Ormoni proteici steroidei

11 Introduzione GLI ELEMENTI RESPONSIVI AGLI ESTROGENI I recettori degli estrogeni, come tutti i recettori nucleari, regolano la trascrizione interagendo con specifiche sequenze di DNA localizzate a livello dei geni bersaglio, denominate elementi responsivi agli estrogeni (ERE, estrogen responsive elements). Generalmente si trovano in stretta vicinanza del promotore, tuttavia le si può ritrovare anche all interno di regioni enhancer, diverse chilobasi a monte del sito d inizio di trascrizione MECCANISMO D AZIONE DEI RECETTORI DEGLI ESTROGENI A) Via classica ligando-dipendente In assenza del ligando, il recettore degli estrogeni è sequestrato nel nucleo delle cellule bersaglio ed è complessato con proteine dello shock termico (heat shock proteins, Hsp) che lo mantengono nella conformazione inattiva. In seguito al legame con l estrogeno, il recettore va incontro ad un cambiamento conformazionale che determina il distacco delle Hsp e facilita la dimerizzazione ed il legame del recettore agli elementi responsivi sul DNA situati sui geni bersaglio [Mc Donnel et al, 2002]. Le regioni del recettore coinvolte nella dimerizzazione sono localizzate su domini che contengono una regione ricca di amminoacidi idrofilici, in modo tale da organizzare spazialmente un α-elica. Da questa struttura secondaria sporgono numerosi residui di leucina allineati che possono andare ad interagire con un analoga struttura su un altro monomero recettoriale formando una sorta di cerniera di residui di leucina, detta leucinzipper che consente la dimerizzazione. L ER può legarsi al DNA sia sottoforma di omodimero sia di eterodimero. Il recettore utilizza entrambe le sue regioni di attivazioni AF-1 ed AF-2 per reclutare i cofattori. Il legame del complesso ormone-recettore al DNA stabilizza il complesso d inizio della trascrizione e favorisce il reclutamento dell RNA polimerasi II per dare l avvio alla trascrizione del mrna specifico. L attività trascrizionale del recettore degli estrogeni può essere modulata attraverso un meccanismo di fosforilazione. Si è infatti osservato che l ER è altamente fosforilato già in condizioni basali e che il legame dell ormone comporta un incremento del grado di fosforilazione. L introduzione dei gruppi fosforici è mediata da diversi enzimi dotati di attività protein chinasica: fra questi, i più importanti sono le MAPK che fosforilano i residui di serina posti all interno di sequenze amminoacidiche consenso. La fosforilazione del recettore 9

Goetghebuer, Tessa and Haelterman, Edwige and Le Chenadec, Jerome and Dollfus, Catherine and Gibb, Diana and Boyd, Katherine and Judd, Ali and Galli, Luisa and Gabiano, Clara and Ramos, Jose and Thorne, Claire and Marczynska, Magdalena and Keiser, Olivia and Ene, Luminita and Hainaut, Marc and Scherpbier, Henriette and Wintergerst, Uwe and Schmitz, Véronique and Verweel, Gwenda and Giaquinto, Carlo and Warszawski, Josiane and Levy, Jack (2008) Early vs deferred highly active antiretroviral therapy in HIV infected infants: a European Collaborative Cohort Study. [Conference papers] In: Fourth Dominique Dormont International Conference, 13-15 December 2007, Paris, France.

Raccomandazione 14 (22-24)-rev. Dopo l’intervento di chirurgia bariatrica, a tutte le donne in età fertile deve essere fornito counseling contraccettivo (Grado D ); in quelle sottoposte a RGYB o procedure malassorbitive il counseling contraccettivo deve riguardare le terapie non orali (Grado D ). Nelle candidate a chirurgia bariatrica bisogna evitare la gravidanza prima dell’intervento e nei 12-18 mesi successivi (Grado D) . Nelle donne che vanno in gravidanza dopo l’intervento di chirurgia bariatrica, bisogna fornire counseling e monitorare l’appropriatezza dell’incremento ponderale e dei supplementi nutrizionali nonché la salute fetale (Grado C; MLE 3) ; bisogna fornire sorveglianza nutrizionale ed eseguire a ogni trimestre uno screening di laboratorio dei deficit di ferro, folati, B 12 , calcio e vitamine liposolubili (Grado D ). Nelle pazienti che vanno in gravidanza dopo LAGB, bisogna regolare il bendaggio in modo da consentire un incremento ponderale appropriato per la salute fetale (Grado B; MLE 2).

Ormoni proteici steroidei

ormoni proteici steroidei

Media:

ormoni proteici steroideiormoni proteici steroideiormoni proteici steroideiormoni proteici steroideiormoni proteici steroidei

http://buy-steroids.org